Spid per i privati_ritiro raccomandata
La raccomandata si ritira con SPID
31 Ottobre 2019
Accesso con Spid canale dalle enormi potenzialità
Accesso con SPID: un canale dalle enormi potenzialità
15 Novembre 2019

SPID professionisti: pubblicate le linee guida Agid

spid uso professionale_spidstart

SPID professionisti: pubblicate le linee guida Agid

Saranno ufficialmente operative a partire dal 1° dicembre le linee guida di Agid, Agenzia per l’Italia Digitale per il rilascio delle identità digitali per uso professionale. Un passo in avanti per SPID che diventa lo strumento con cui PA e privati possono verificare l’appartenenza di una persona fisica ad un’organizzazione e la sua qualità di professionista.

Spid per i professionisti: le linee guida per il rilascio

Tra le specifiche contenute nelle linee guida, anche quelle relative alla modalità con cui gli Identity Provider accreditati possono rilasciare le credenziali SPID per uso professionale. Modalità che differiscono da quelle dedicate ai semplici cittadini, in quanto consentono di veicolare, tramite la propria identità digitale, non solo i dati della persona fisica, ma anche quelli dell’organizzazione a cui fa capo e per la quale sta richiedendo uno dei servizi disponibili online.
Un nuovo slancio per SPID, atteso da PA e professionisti che apre le porte a nuove possibilità di utilizzo dell’Identità digitale superando l’ostacolo dell’utilizzo della propria identità personale per scopi lavorativi.

Spid per i professionisti: le novità

Cambia l’utilizzo e quindi anche la modalità di rilascio, dicevamo, ma in pratica come si ottiene lo SPID per uso professionale? Ecco sintetizzati i passaggi:

  • Il richiedente, dopo aver ottenuto autorizzazione da parte dell’utente di gestione, accede al servizio di rilascio dello SPID e qui inserisce il token ricevuto, i propri dati e un codice di verifica.
  • L’Idp verifica i dati del richiedente e la corrispondenza con quelli ricevuti dal sistema di gestione, quindi procede con il rilascio dello SPID per uso professionale e, contestualmente, informando a mezzo email anche l’utente di governo indicato dal richiedente

Importante, come sottolinea la stessa AGID nella comunicazione relativa pubblicata sul sito è sottolineare che le identità così rilasciate non identificano lo status di persona giuridica né l’appartenenza di un professionista a un determinato ordine professionale o altro elenco qualificato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *