SPID per le Imprese: perché se ne parla ancora così poco
26 Settembre 2019
Integrazione SPID per tutti i cittadini entro un anno: la promessa del premier Conte ai cittadini italiani
10 Ottobre 2019

Accesso con SPID ai servizi online del Regno Unito: ecco il percorso che porterà alla conversione in UK

Accesso con SPID ai servizi online del Regno Unito: ecco il percorso che porterà alla conversione in UK

Il Regno Unito è recentemente entrato a far parte del nodo eIDAS, ovvero l’infrastruttura informatica che abilita la circolarità delle identità digitali nazionali nell’Unione Europea (Ue).

Questo passo avanti dell’Inghilterra verso la trasformazione digitale dei servizi offerti ai cittadini dalla Pubblica Amministrazione, farà si che i cittadini esteri residenti nel Regno Unito potranno usufruire dei servizi online della PA britannica attraverso le rispettive identità digitali.
Gli italiani residenti in UK, che hanno già attivato le proprie credenziali SPID potranno dunque utilizzare queste ultime per usufruire dei servizi delle amministrazioni britanniche.

D’altro canto, l’adesione al nodo eIDAS fa si che i cittadini britannici possano accedere ai servizi online delle PA già aderenti, come quella italiana, utilizzando le proprie identità digitali.

 

Accesso SPID per i cittadini italiani residenti in UK

L’Inghilterra è il 14° Paese dell’Ue aderente all’infrastruttura abilitante italiana che Agid ha realizzato in collaborazione con il Politecnico di Torino, Infocert e Tim mediante FICEP, ovvero “First Italian Crossborder Eidas Proxy”, il primo server transfrontaliero italiano.

 

Il server FICEP rende possibile la concreta attuazione del regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature), il regolamento Ue n°910/2014 che si occupa dell’Identità Digitale e che impone alle PA di rendere accessibili i propri servizi online tramite le identità digitali degli altri stati membri.

La concreta attuazione delle norme previste da questo regolamento mira ad un sicuro ed efficace svolgimento delle transazioni elettroniche tra i cittadini, le Pubbliche Amministrazioni e le imprese private in ambito Ue.  Rende dunque possibile utilizzare in totale sicurezza e seguendo un iter comune per tutti i Paesi membri servizi pubblici e servizi di e-commerce ed e-business.

I Paesi facenti parte dell’Ue che potranno utilizzare il server FICEP in quanto membri del nodo eIDAS italiano sono, attualmente: Austria, Danimarca, Lussemburgo, Lettonia, Slovenia, Olanda, Malta, Spagna, Estonia, Grecia, Belgio, Norvegia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *